Business Plan per Società di Servizi per Anziani

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su google
Condividi su twitter

Premessa

L’Italia, quante volte lo abbiamo sentito dire, non è un Paese per giovani.

In effetti, analizzando i dati Istat, in particolare gli indicatori demografici, degli ultimi 20 anni, scopriamo che, ad esempio, l’età media della popolazione è passata dai 41.9 anni del 2002 ai 45,7 del 2020 e che l’indice di vecchiaia è salito dal 131.7 del 2002 al 177.9 del 2020!

Numeri inequivocabili.

C’è e ci sarà sempre di più, quindi, un elevato numero di persone anziane che hanno bisogno di servizi a loro dedicati e di persone che si prendano cura di loro.

Il mercato è, dunque, enorme!

Prova ne è anche il fatto che ci sono sempre più società che offrono servizi di questo tipo e, ultimamente, si sta sviluppando anche il business model del franchising.

Potenzialmente, quindi, si tratta di un buon investimento che, però, richiede competenza e dedizione.

Per questo, più che mai, è necessario sviluppare un business plan professionale e che tenga in considerazione ogni variabile.

Accanto, quindi, alle consuete attività che riportiamo qui sotto e che valgono per qualsiasi società in qualsiasi industria, come ad esempio:

  • analisi del mercato e analisi del contesto
  • scegliere il luogo dove aprire (possibilmente dopo aver consultato i dati demografici della zona…)
  • identificazione dei concorrenti e del relativo modello di business
  • scelta del proprio modello di business (ad esempio se assumere dipendenti o se affidarsi a personale esterno, se fornire servizi in abbonamento o “a consumo” e così via..)
  • identificazione del tipo di società (ad esempio società di persone o società di capitale)
  • redazione di un dettagliato business plan, meglio se mensile, con definizione del fabbisogno finanziario e delle relative fonti di finanziamento

ne vanno aggiunte delle altre che possono fare la differenza tra successo e fallimento:

  • scegliere i servizi da offrire
    • assistenziali
    • accompagnamento
    • infermieristici
    • disbrigo pratiche
    • ..
  • scegliere con cura il personale e/o i collaboratori
  • scegliere come promuovere la propria azienda (ad esempio: il target di comunicazione è lo stesso del target dell’offerta dei servizi? In altri termini: ci si rivolge agli anziani o ai loro figli?)
  • fare convenzioni con strutture sanitarie
  • fare convenzioni con strutture turistiche per anziani
  • ….

Per avere maggiori dettagli su come aprire la vostra Società di Servizi per Anziani vi rimandiamo alle seguenti guide:

https://www.biancolavoro.it/aprire-unattivita-servizi-anziani/

https://intraprendere.net/16905/agenzia-di-servizi-alla-persona/

Modello Excel gratuito

A corredo del presente articolo mettiamo a disposizione un business plan.

Nella pagina iniziale troverete 4 sezioni:

  • Dati di Input;
  • Elaborati, tramite l’inserimento degli Input vengono elaborati una serie di Report di dettaglio che andranno ad alimentare i Report Finali;
  • Report, i prospetti finali sintetici della situazione Economica, Patrimoniale e Finanziari oltre ai principali Indicatori.
  • Grafici

Vediamo in dettaglio i Dati di Input:

  • Parametri iniziali: Anno di avvio, l’aliquota Iva, aliquota Irap e Ires (parliamo di srl, se si tratta di una ditta individuale o snc possiamo inserire 0 come aliquota Ires in quanto la tassazione avverrà poi in testa ai soci), % di Accantonamento Rischi
  • Personale: sono state inserite a titolo esemplificativo 3 categorie: deve essere inserita la RAL annua del singolo Profilo e le unità previste;
  • Costi Variabili: eventuali costi variabili generali, in percentuale sulle Vendite.
  • Costi Gestione: inserire nella categoria di appartenenza i costi di gestione mensili previsti;
  • Investimenti: inserire il piano degli Investimenti, con indicazione della categoria dell’investimento da scegliere nel menu a tendina. Indicare l’aliquota iva e gli anni di ammortamento; 
  • Finanziamento: inserire l’importo di eventuali finanziamenti da richiedere agli istituti Finanziari con indicazione del numero di rate (sono previste rate mensili, quindi la durata in mesi è pari al numero di rate) il tasso di interesse annuale; è possibile inserire anche fino a 2 anni di pre-ammortamento.
  • Capitale Sociale: gli aumenti di capitale proprio previsto nei mesi;
  • Distribuzione utile: l’indicazione della % di distribuzione utile.

·      Dati di vendita (raggiungibile cliccando su “Fatturato” nella sezione “Dati di input”).

Per ogni “Categoria di Servizi” Dovrete inserire i seguenti parametri:

  • incidenza costo di acquisto
  • iva
  • gg dilazione clienti
  • gg dilazione fornitori

Per ogni Servizio andranno invece inseriti:

  • prezzo al netto dell’iva
  • numero di vendite mensili

Utilità del Modello

  • Calcolare il fabbisogno finanziario che scaturisce non solo dall’Investimento ma anche dalla fase di start up per l’azienda, e simulare la corretta copertura tra fonti proprie ed esterne;
  • Preparazione della documentazione accompagnatoria nella richiesta di finanziamenti agli istituti Finanziari, o per la richiesta di contributi a fondo perduto o finanziamenti agevolati.

Il Modello Excel è gratuito

Iscrivendovi alla nostra Piattaforma Online, infatti, troverete l’anteprima gratuita del Corso con:

  • la prima Lezione visibile gratuitamente;
  • il Modello Excel Completi scaricabili gratuitamente e senza alcuna limitazione.
3/5 (4 Reviews)
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su google
Condividi su twitter
Torna su