Budget degli Acquisti

B2B
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su google
Condividi su twitter

Dopo il Budget delle vendite, passiamo all’inserimento del Budget degli Acquisti-

Inseriamo la pianificazione mensile per i 36 periodi, relative sia alle quantità di materie prime che ipotizziamo di  acquistare, sia ai prezzi unitari.

 

–          Acquisto materie prime:

Possiamo cosi calcolare il costo delle materie prime, inserendo la semplice formula di moltiplicazione (quantità x prezzo unitario).

–          Calcolo Iva a Credito:

Per poter calcolare l’Iva a credito, dobbiamo inserire l’aliquota iva per ogni materia. Applichiamo tale aliquota al costo della materia prima e troviamo l’iva del periodo.

–          Calcolo Magazzino:

Inseriamo i giorni medi di giacenza in magazzino. Troviamo il valore finale del magazzino applicando la seguente formula:

Valore magazzino finale = costo materia prima * (gg giacenza magazzino/360).

Stiamo quindi valutando il magazzino al costo di acquisto delle materie prime.

–          Calcolo Debiti Commerciali:

Inseriamo i giorni di dilazione media concessaci dai fornitori. Sulla base di tale parametro riusciamo a calcolarci i debiti commerciali utilizzando la funzione di logica “if” in excel. Il file gestisce una dilazione fino a 4 mesi (120gg).

–          Calcolo uscite per acquisto materie prime (voce Banca/Cassa):

Le uscite del periodo  vengono calcolati inserendo la seguente formula:

Uscite Costo materie prime periodo + decremento debiti commerciali + diminuzione credito  iva.

 

Collegamento Budget Acquisti ai Prospetti Riepilogativi.

Abbiamo cosi completato il prospetto del Budget degli Acquisti e le voci collegate.

Passiamo ora a collegare le varie voci ai prospetti riepilogativi (Stato Patrimoniale e Conto Economico, e di conseguenza al cash flow).

–          Acquisto materie prime: lo riportiamo nella voce “Acquisti” del Conto Economico;

 

–          Iva a Credito: per il momento  stiamo supponendo che non venga mai compensata o richiesto rimborso,  possiamo quindi inserirla momentaneamente nella relativa voce dello Stato patrimoniale “IVA a Credito acquisti”.  In seguito creeremo un apposito sheet, dove tenendo conto dell’iva a debito, dell’iva a credito e del periodo di liquidazione calcoleremo in maniera puntuale il valore da inserire in Stato patrimoniale;

 

–          Magazzino: riportato in Stato Patrimoniale alla voce  “ Rimanenze materie prime, sussidiarie di consumo e merci”;

 

–          Debiti Commerciali:  riportato in Stato Patrimoniale alla voce  “ Debiti fornitori commerciali”;

 

–          Uscite per acquisti: inseriamo la formula logica (if) sia nella voce “cassa e banca” dell’attivo che nella voce “Banche e depositi postali” del passivo. Calcoliamo quindi se (utilizzando la funzione “if”) siano maggiori le entrate o siano maggiori le usciti. Se sono maggiori le entrate riportiamo il delta nella voce

“cassa e banca” dell’attivo, se sono maggiori le uscite riportiamo il delta nella voce “Banche e depositi postali” del passivo

Quanto descritto lo riportiamo come sempre nel nostro file excel sotto.  Dove è interessante vedere come i collegamenti creati tra Stato Patrimoniale, Conte economico e Flussi di Cassa determinino un primo Bilancio sulla base del solo Budget  Acquisti.

Modello Excel Budget Acquisti

 

 

 

 

 

 

0/5 (0 Reviews)
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su google
Condividi su twitter
Torna su